SACRIFICARE L’ANIMALE DOPO LA FESTA EID

Argomento forse non molto chiaro a certi musulmani. Come si sacrifica l’animale per la festa del sacrificio Eid Al Adha? Non basta dare qualcosa in denaro nella cassettina della moschea prima della festa? Quella è solo una sadaqa (elemosina) non è l’ Udhiyah (sacrificio). Chi se lo può permettere e non lo fa commette peccato, chi invece non ha soldi perché disoccupato o povero Iddio conosce le nostre intenzioni e Allah ne sa di più.

Le Regole dell’Udhiyah (Sacrificio dell’animale)

“Udhiyah – spiega lo sheikh del sito islamqa.info- è uno dei grandi rituali dell’Islam, in cui ricordiamo l’Unicità di Allah, le Sue benedizioni su di noi e l’obbedienza di nostro padre Abramo (Ibrahìm) pace su di lui,  verso il suo Signore, e in questo atto di udhiyah c’è molta bontà e benedizione. Quindi il musulmano deve prestare attenzione alla sua grande importanza.

Udhiyah si riferisce all’animale (cammello, bovino o pecora) che viene sacrificato come atto di adorazione ad Allah, nel paese in cui vive la persona che offre il sacrificio, durante il periodo successivo alla preghiera di Eid nel Giorno di Nahr (Eid al-Adhaa) fino all’ultimo dei Giorni di Tashreeq (il 13 ° giorno del mese islamico Dhu’l-Hijjah), con l’intenzione di offrire un sacrificio. Allah dice (interpretazione del significato):

“Rivolgiti dunque in preghiera al tuo Signore e sacrifica [a Lui solo]”. (Sura Al-Kawthar/ L’Abbondanza, v. 2)

“Dì (O Muhammad): ‘In verità, il mio culto e il mio rito, la mia vita e la mia morte appartengono ad Allah, Signore dei mondi [dell’umanità, jinn e tutto ciò che esiste].” (Sura Al-An’am/ Il bestiame, v. 162)

“Ad ogni comunità assegnammo un rito [sacrificale], affinché menzionassero il Nome di Allah sul capo di bestiame che Egli ha concesso loro. Il vostro Dio è un Dio unico. A Lui sottomettetevi [nell’Islam]. Danne la lieta novella agli umili”.  (Sura Al-Hajj/ Il Pellegrinaggio v. 34)

Udhiyyah è una Sunnah confermata secondo la maggior parte degli studiosi -alcuni studiosi dicono che è waajib (obbligatoria)-; questo sarà discusso più dettagliatamente di seguito-. È richiesto soprattutto nel momento stabilito da chi è vivo, per se stesso e i membri della sua famiglia, e può includere per questo nella ricompensa chi vuole, vivo o morto. Per quanto riguarda l’udhiyah per conto di un defunto, se il defunto ha lasciato in eredità fino a un terzo della sua ricchezza a tale scopo, o l’ha inclusa nel suo *waqf (istituzione finanziaria caritatevole), allora questi desideri devono essere eseguiti, altrimenti, se una persona desidera offrire un sacrificio a favore di qualcuno che è morto, questa è una buona azione ed è considerata un’elemosina per i morti. Ma per l’uomo la Sunnah deve includere i membri della sua famiglia, vivi e morti, nel suo udhiyah, e quando lo sgozza, dovrebbe dire:  “Allahumma haadha ‘anni wa ‘an aali bayti (O Allah, questo è da parte mia e (da parte) dei membri della mia famiglia”– non deve fare un sacrificio separato per conto di ogni persona deceduta.

*Il Waqf è un’istituzione finanziaria caritatevole, stabilita attraverso l’usufrutto della proprietà di un fedele, il cui ricavato andrà interamente speso per il soddisfacimento di un fabbisogno comunitario che dipende dalle scelte e dalle condizioni poste dal fondatore del Waqf. Una volta che la proprietà è stata stabilita come Waqf, essa non potrà mai più essere donata, ereditata oppure venduta, perché ormai essa appartiene a Dio, e tale dovrà rimanere in eterno.

I sapienti hanno stabilito che sacrificare l’animale e dare la sua carne in carità è meglio che dare il suo valore – in soldi- in carità, perché il Messaggero (pace e benedizioni di Allah su di lui) era solito fare il sacrificio, e non faceva altro se non la cosa migliore e più adatta. Questa è l’opinione di Abu Haneefah, al-Shaafa’i e Ahmad.

Una pecora è abbastanza buona come sacrificio per un uomo, i membri della sua famiglia e i suoi figli, a causa dell’hadith di Abu Ayyoob: “Al tempo del Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui), un uomo sacrificava una pecora per sé e per i membri della sua famiglia, ne mangiavano e ne davano [donavano] ad altri”. Riportato da Ibn Maajah e al-Tirmidhi, che lo hanno classificato come sahih, hadith autentico.

I tipi di animali prescritti per il sacrificio sono cammelli, bovini e pecore. Alcuni sapienti hanno detto che il miglior sacrificio sono i cammelli, poi il bestiame, poi le pecore, poi la condivisione di una cammella o di una mucca, perché il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) disse riguardo le preghiere del venerdì: “Chiunque va alla [preghiera del venerdì] presto, [la ricompensa] equivale al sacrificio di un cammello”. Questa è l’opinione dei tre imam Abu Haneefah, al-Shaafa’i e Ahmad. In base a questo, una pecora è migliore di un settimo di un cammello o di una mucca. Maalik disse che il meglio è una giovane pecora, poi una mucca e poi un cammello, perché il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) ha sacrificato due montoni, e non ha mai fatto altro che il meglio. La risposta è che lui (pace e benedizioni di Allah su di lui) ha sempre scelto ciò che era più appropriato per gentilezza verso la sua ummah, perché avrebbero seguito il suo esempio, e non voleva rendere loro le cose difficili. (Fataawa al-Shaykh ‘Abd al-‘Azeez ibn Baaz).

Un cammello o una mucca è sufficiente per sette persone, a causa del rapporto narrato da Jaabir (che Allah sia soddisfatto di lui) che ha detto: “Sacrificammo ad al-Hudaybiyah con il Profeta (pace e benedizioni di Allah siano su di lui), un cammello per sette [per conto di sette persone] e una vacca per sette [per conto di sette persone]». Secondo una versione: “Il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) ci ha comandato di condividere cammelli e bestiame, ciascuno sette uomini condividendo un animale”. Secondo un’altra versione: “Quindi una mucca sarebbe stata sacrificata per conto di sette uomini e la condivideremmo”. (Riportato da Muslim)

Sentenza di udhiyah :

Udhiyah è uno dei rituali dell’Islam. È menzionato in Jawaahir al-Ikleel Sharh Mukhtasar Khaleel che se la gente di una città o di un paese trascura l’udhiyah, dovrebbe essere combattuta, perché è uno dei rituali dell’Islam. ( Rasaa’il Fiqhiyyah di Shaykh Ibn ‘Uthaymeen, p. 46). Ci sono due opinioni accademiche su udhiyah: che è waajib (obbligatorio). Questa è l’opinione di al-Oozaa’i, al-Layth e Abu Haneefah, ed è una delle due opinioni narrate dall’Imaam Ahmad. Era anche l’opinione di Shaykh al-Islam Ibn Taymiyah, ed è una delle due opinioni nel madhhab di Maalik, o è quello che sembra essere il madhhab di Maalik. Coloro che sostengono questa opinione prendono come prova quanto segue:

L’aayah [versetto del Corano]: “Rivolgiti dunque in preghiera al tuo Signore e sacrifica [a Lui solo]”. (Sura Al-Kawthar/ L’Abbondanza, v. 2). Questo è un comando e un comando implica che qualcosa è obbligatorio.

L’hadith di Jundub (che Allah sia soddisfatto di lui), riportato in al-Saheehayn e altrove, che ha detto: “Il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) disse: ‘Chiunque abbia ucciso il suo sacrificio prima di pregare, ne uccida un altro al suo posto, e chi non ha ucciso un sacrificio, lo faccia nel nome di Allah.’” (Riportato da Muslim, 3621)

L’hadith: “Chi può permettersi di offrire un sacrificio ma non lo fa, non si avvicini al nostro luogo o alla nostra preghiera”. (Riportato da Ahmad e Ibn Maajah; classificato come sahih da al-Haakim dall’hadith di Abu Hurayrah, che Allah sia soddisfatto di lui. In Fath al- Baari si dice che i suoi uomini – che hanno trasmesso il detto/hadith- sono thiqaat [affidabili]).

(B) che è una Sunnah confermata (sunnah mu’akkadah). Questa è l’opinione della maggioranza, ed è il madhhab di al-Shaafa’i e l’opinione più nota di Maalik e Ahmad. Ma la maggior parte di coloro che sostengono questa opinione ha affermato che è makrooh (riprovevole) per colui che è in grado di offrire un sacrificio e trascura nel farlo. Basano la loro opinione su quanto segue:

L’hadith di Jaabir (che Allah sia soddisfatto di lui) a Sunan Abi Dawood , dove disse: “Ho pregato Eid al-Adhaa con il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui), e quando ha finito [ la preghiera], gli furono portati due montoni e li immolò. Ha detto: ‘Nel Nome di Allah, Allah è il Più Grande. Questo è a nome mio e di qualsiasi membro della mia ummah che non ha offerto un sacrificio”. ( Sunan Abi Dawood bi Sharh Muhammad Shams al-Haq Abaadi , 7/486)

L’hadith riportato da tutti i famosi muhadditheen a parte al-Bukhaari: “Chi di voi vuole offrire un sacrificio, non tagli i suoi capelli e le sue unghie”. Shaykh Ibn ‘Uthaymeen, possa Allah preservarlo, ha detto, dopo la sua discussione su coloro che dicono che è obbligatorio e coloro che dicono che è la Sunnah, “Ogni punto di vista ha le sue prove, ma per essere al sicuro, colui che è in grado di offrire un sacrificio non dovrebbe trascurare di farlo, a causa di ciò che è coinvolto in questo atto di riverenza verso Allah, ricordandoLo e assicurandosi di non avere nulla da biasimare.

Condizioni di udhiyah: L’animale dovrebbe aver raggiunto l’età richiesta, che è di sei mesi per un agnello, un anno per una capra, due anni per una mucca e cinque anni per un cammello.

Dovrebbe essere privo di qualsiasi difetto, perché il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) disse: “Ci sono quattro che non andranno bene per il sacrificio: un animale con un occhio solo il cui difetto è evidente, un animale malato la cui malattia è ovvia, un animale zoppo e il suo problema fisico è evidente e un animale deperito che non ha midollo nelle ossa. (Saheeh, Saheeh al-Jaami’ , n. 886). Ci sono difetti più lievi che non squalificano un animale, ma è makrooh [meglio evitare ma non è illecito] sacrificare tali animali, come un animale con un corno o un orecchio mancante, o un animale con fessure nelle orecchie, ecc. Udhiyah è un atto di adorazione ad Allah , e Allah è buono e accetta solo ciò che è buono. Chiunque onori i riti di Allah, questo ha a che fare con il timore (taqwa) del cuore.

È vietato venderlo. Se un animale è stato scelto per il sacrificio, non è lecito venderlo o regalarlo, se non in cambio di uno migliore. Se un animale partorisce, la sua prole dovrebbe essere sacrificata insieme a lui. È anche consentito cavalcarlo se necessario. La prova di ciò è il rapporto narrato da al-Bukhaari e Muslim di Abu Hurayrah (che Allah sia soddisfatto di lui), che ha detto che il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah siano su di lui) vide un uomo che cavalcava il suo cammello e gli disse: “Cavalcalo”. Disse: “È per il sacrificio”. Disse: “cavalcalo” una seconda o terza volta.

Dovrebbe essere sacrificato all’ora specificata, che va da dopo la preghiera e la khutbah (sermone) dell’Eid – non da quando inizia l’ora della preghiera e della khutbah – fino a prima del tramonto dell’ultimo dei giorni di Tashreeq, che è il 13 ° giorno di Dhu’l-Hijjah. Il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) disse: “Chiunque si sacrifica prima della preghiera, lo ripeta”. (Riportato da al-Bukhaari e Muslim). ‘Ali (che Allah sia soddisfatto di lui) disse: “I giorni di Nahr (Sacrificio) sono il giorno di al-Adhaa e i tre giorni che lo seguono”.  Questa è anche l’opinione di al-Hasan al-Basri, ‘Ata’ ibn Abi Rabaah, al-Oozaa’i, al-Shaafa’i e Ibn al-Mundhir, che Allah abbia misericordia di tutti loro.

Cosa si dovrebbe fare con il sacrificio?

È mustahabb (preferibile) per colui che ha fatto un sacrificio di non mangiare nulla quel giorno prima di mangiarne, se questo è possibile, a causa dell’hadith, “Che ogni uomo mangi del suo sacrificio”. (Classificato come sahih in Sahih al-Jaami’ , 5349) . Questo mangiare dovrebbe essere dopo la preghiera dell’Eid e la khutbah. Questa è l’opinione degli studiosi, tra cui ‘Ali, Ibn ‘Abbaas, Maalik, al-Shaafa’i e altri. La prova di ciò è l’hadith di Buraydah (che Allah sia soddisfatto di lui): “Il Profeta (pace e benedizioni di Allah siano su di lui) non sarebbe uscito nel giorno di Fitr [fine Ramadan] finché non avesse mangiato, e non avrebbe mangiato nel giorno di Adhaa finché non ebbe sgozzato (il suo sacrificio)”. (Al-Albaani ha detto: la sua isnaad è sahih. Al-Mishkaat , 1/452).

È meglio che una persona uccida da sola il sacrificio, ma se non lo fa, è mustahabb [preferibile e non obbligatorio] che sia presente quando viene macellato.

È mustahaab dividere la carne in tre: un terzo da mangiare, un terzo da dare in dono e un terzo da dare in carità. Questa era l’opinione di Ibn Mas’ood e Ibn ‘Umar (che Allah sia soddisfatto di loro). Gli studiosi hanno convenuto che non è lecito vendere nulla della sua carne, grasso o pelle. In un sahih hadith, il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) disse: “Chiunque vende la pelle del suo udhiyah, non c’è udhiyah per lui (cioè, non è contato come udhiyah).” (Classificato come hasan in Saheeh al-Jaami’ , 6118). Al macellaio non dovrebbe essere dato nulla come ricompensa o pagamento, perché ‘Ali (che Allah sia soddisfatto di lui) ha detto: “Il Messaggero di Allah (pace e benedizioni di Allah su di lui) mi ha comandato di prendermi cura del sacrificio e di donarne in carità la carne, la pelle e la veste -copertura usata per la protezione-, e di non darne nulla al macellaio come compenso. Ha detto: ‘Gli daremo qualcosa di ciò che abbiamo’”. (Concordato). Si diceva che è lecito regalare qualcosa al macellaio, e che è lecito regalarne una parte a un kaafir (miscredente) se è povero o un parente o un vicino, o per aprire il suo cuore all’Islam. ( Fataawa al-Shaykh ‘Abd al-‘Azeez ibn Baaz ).

La Sunnah indica che colui che vuole offrire un sacrificio deve astenersi dal tagliare i suoi capelli, unghie o pelle dal primo giorno di Dhu’l-Hijjah fino a quando non offre il suo sacrificio, perché il Profeta (pace e benedizioni di Allah siano su di lui) disse: “Quando vedrai la luna nuova di Dhu’l-Hijjah, se qualcuno di voi vuole offrire un sacrificio, non tagli i capelli o le unghie finché non abbia offerto il suo sacrificio”. Secondo un altro rapporto: “Non tocchi alcuna parte dei suoi capelli o delle sue unghie”. (Riportato da Muslim con quattro isnaad (catene di trasmissione), 13/146). Questo comando implica l’obbligo e il divieto implica che sia vietato, secondo l’opinione più corretta, perché questi sono assoluti senza eccezioni. Se una persona taglia i capelli o le unghie, deve chiedere il perdono di Allah, ma non deve pagare alcuna fidyah (penalità), e la sua udhiyah è ancora valida. Chi ha bisogno di tagliare alcuni dei suoi capelli o unghie perché lasciarli gli causerà danno, come un’unghia strappata o una ferita in un punto coperto di capelli, dovrebbe rimuoverla, e non c’è peccato su di lui se lo fa. Questo non è più grave del *muhrim (persona in ihraam per Hajj o ‘Umrah, cioè stato di consacrazione/ preparazione/ intenzione al Pellegrinaggio) a cui è permesso radersi se non lo fa gli causerà del male. Non c’è niente di sbagliato nel fatto che uomini e donne si lavino i capelli durante i primi dieci giorni di Dhu’l-Hijjah, perché il Profeta (pace e benedizioni di Allah su di lui) ha proibito solo di radere i capelli, e perché il muhrim è autorizzato a lavarsi la testa.

*muhrim è il musulmano che entra nello stato – come abbiamo già spiegato più sopra- di consacrazione/ preparazione al Pellegrinaggio maggiore (Hajj) o al Pellegrinaggio minore (Umrah).

La saggezza dietro il divieto di tagliare capelli e unghie è perché colui che sta per offrire un sacrificio è come colui che è in *ihraam per Hajj e ‘Umrah per quanto riguarda alcuni rituali, che è l’offerta di un sacrificio per avvicinarsi ad Allah. Quindi alcune delle regole dell’ihraam si applicano a colui che vuole offrire un sacrificio, quindi non dovrebbe tagliarsi i capelli e le unghie finché non ha sgozzato il suo sacrificio, nella speranza che Allah lo liberi dal fuoco dell’Inferno. E Allah sa meglio.

* ihraam è essere nello stato puro per fare il Pellegrinaggio minore o maggiore (Umrah e Hajj). Questo nel momento in cui ci si libera di tutti gli indumenti per indossare solo due pezzi di stoffa bianchi non cuciti che copriranno il torace e le parti intime.

Se una persona si taglia i capelli e le unghie durante i primi dieci giorni di Dhu’l-Hijjah perché non ha intenzione di offrire un sacrificio, allora decide di eseguire il sacrificio, dovrebbe astenersi dal tagliarsi i capelli o le unghie dal momento in cui prende la decisione.

Ci sono alcune donne che delegano i loro fratelli o figli a fare il sacrificio per loro in modo che possano tagliarsi i capelli durante i primi dieci giorni di Dhu’l-Hijjah. Questo non è corretto, perché la sentenza si applica a colui che sta compiendo il sacrificio, sia che deleghi qualcun altro a compiere l’effettivo sgozzamento o meno. Il divieto non si applica alla persona nominata, si applica alla persona che vuole offrire un sacrificio per conto proprio, come indicato dall’hadith. Quanto a chi compie il sacrificio per conto di un altro, sia per volontà sia per delega, a lui non si applica il divieto.

È evidente che questo divieto si applica a colui che offre il sacrificio e non si estende alla moglie o ai figli, a meno che uno di loro non offra un sacrificio per proprio conto. Il Profeta Muhammad  (pace e benedizioni di Allah su di lui) era solito sacrificare per conto della sua famiglia, e non è stato riportato che abbia proibito loro di tagliare i capelli o unghie.

Chi ha intenzione di offrire un sacrificio, poi decide di andare per l’Hajj, non dovrebbe tagliare i capelli o le unghie quando vuole entrare nello stato di ihraam, perché questa è la Sunnah solo quando ce n’è bisogno. Ma se sta facendo Hajj “tamattu” [dove si esegue ‘Umrah, poi termina ihraam ed entra in un nuovo stato di ihraam per Hajj], dovrebbe accorciare i capelli quando finisce ‘Umrah perché fa parte del rituale.

Le cose che sono proibite per la persona che vuole offrire un sacrificio sono riportate negli hadith sopra citati. Non gli è vietato portare profumo o avere rapporti con la moglie o indossare indumenti cuciti e così via. E Allah lo sa meglio”.

Mamdouh AbdEl Kawi D.R. e Abu Muslim